La recensione di Angelo Di Liberto su Repubblica Palermo